Bioparco di Roma: appuntamento del 16 Luglio Museo Ambiente e Crimine "Mainardi" e la mostra sull'innominabile





Al Bioparco di Roma è stato rinnovato il Museo Ambiente e Crimine (MACRI) e volge al termine la mostra sull’innominabile.
Il MACRI, intitolato all’etologo Danilo Mainardi, è unico nel suo genere in Europa ed ha l’obiettivo di sensibilizzare il grande pubblico su diverse tipologie di reati, da quelli che deturpano il patrimonio ambientale, a quelli perpetrati nei confronti della specie protette, nonché sui reati commessi nell’ambito del settore agroalimentare.
L’ingresso al Museo è incluso nel costo biglietto Bioparco.

Domenica 16 luglio ultimo giorno per visitare la mostra: “La cacca: storia naturale dell’innominabile”, per far conoscere, in maniera divertente, la naturalità di questo materiale da molteplici punti di vista, a partire da quello fisiologico per arrivare a quello naturalistico ed ecologico. Con un filo conduttore: la cacca è vita, ovvero, senza la cacca degli animali non ci sarebbe terra fertile e quindi non ci sarebbero gli alberi, l’ossigeno, il cibo…non ci sarebbe la vita.
Costo biglietto: tariffa unica € 2,00 (oltre biglietto Bioparco).

Durante la giornata, inoltre, da non perdere gli appuntamenti A TuxTu con gli animali (‘Animali & Pregiudizi’) e ‘Dai da mangiare a Sofia’, l’elefante indiano del Bioparco.

Credit fotografico: Archivio Bioparco – Massimiliano Di Giovanni


BIOPARCO DI ROMA
INFO: 06.3608211 e www.bioparco.it

ORARIO        9.30 – 19.00 (ingresso consentito fino alle ore 18.00)
TARIFFE       ingresso gratuito per bambini al di sotto di un metro
bambini di altezza superiore ad 1 metro e fino a 10 anni: € 13.00
                       biglietto adulti: € 16.00.

EVITA LA CODA! I biglietti si possono acquistare anche on line su bioparco.it e nei punti della rete TicketOne ed al Call Center 892.101

Post popolari in questo blog

Il 17 Marzo riapre Italia in Miniatura con un imponente operazione di restyling

Warner Bros. Studio Tour - The Making of Harry Potter: i consigli e il racconto di Francesca

Una sorpresa per i lettori di Blodiario 2.0