Zoomarine: sicurezza in mare con i cani bagnino






Entra nel vivo la stagione estiva e Zoomarine punta sulla sicurezza in mare al fine di sensibilizzare adulti e bambini sui comportamenti da adottare durante le vacanze.

Sabato 23 e domenica 24 giugno il Parco alle porte di Roma ospita la Scuola Italiana Cani di Salvataggio (SICS - Sezione Tirreno Centro Meridionale), una delle più grandi e storiche Associazioni di volontariato di Protezione Civile che opera sulle spiagge italiane con cani addestrati e specializzati in attività di salvataggio.

In programma simulazioni in acqua e attività di prevenzione con Golden Retriever, Labrador e Terranova che affiancheranno i personaggi di Zoomarine Braccio di ferro, Olivia, Poldo e una scatenata ciurma di pirati in una adrenalinica esibizione nella splendida cornice del Galeone dei Tuffatori.

La Scuola Italiana Cani Salvataggio (SICS) è una delle più grandi ed antiche associazioni di volontariato di Protezione Civile senza scopo di lucro, dedita alla preparazione dei cani da salvataggio nautico.
In oltre 20 anni di attività, le unità cinofile SICS hanno salvato la vita a centinaia di persone, svolgendo inoltre attività didattiche e sociali rivolte ai bambini o alle categorie più deboli.

La filosofia di addestramento della SICS si basa sui principi utilizzati dagli addestratori di Zoomarine, con la ricerca di una strettissima relazione tra uomo e animale.

“Veicoliamo intrattenimento ma anche informazione e prevenzione, specialmente adesso che le spiagge si affollano di turisti e di bambini – spiega il dott. Renato Lenzi, amministratore delegato del Parco -. Zoomarine è da sempre attento a tutte le forme di relazione uomo/animale, alle tecniche di interazione e ad ogni attività che metta in contatto l’uomo con gli animali che possono essere di straordinario aiuto nel soccorso in mare”.

La due giorni, organizzata con il supporto di Trainer, consentirà al pubblico di Zoomarine di conoscere anche Nebbia, il cane bagnino diventato subito idolo degli italiani perché protagonista, la scorsa estate, di un avventuroso salvataggio a Francavilla di un signore che ha rischiato la morte in mare in balia delle onde.

Sabato, invece, Zoomarine ospita una bellissima festa vintage con il raduno di auto d’epoca Triumph, tra le più celebri della "Dolce Vita".
Oltre ad una splendida esposizione delle vetture più rappresentative ed esclusive degli anni '50 e '60,
ci sarà anche la possibilità di scoprire i segreti per restaurare queste vere opere d'arte a quattro ruote.
L’evento è realizzato in collaborazione con i gentlemen drivers del Triumph Roman Club.


Situato a Torvaianica, alle porte di Roma, con i suoi 40 ettari di verde, acqua e attrazioni, con una media di 600.000 visitatori l'anno e 60.000 studenti, Zoomarine si conferma come uno dei Parchi divertimento più importanti d’Europa oltre che primo Parco acquatico italiano all'insegna dell'intrattenimento e dell'offerta educativa.

Il Parco ospita, oltre ai delfini, dimostrazioni con leoni marini, foche, uccelli tropicali, oltre a specie acquatiche quali pinguini, pellicani e fenicotteri, per un totale di 315 animali di 29 specie diverse.
Prima struttura nel nostro Paese a ricevere il riconoscimento di Giardino Zoologico nel 2009, Zoomarine collabora con 15 Università italiane e straniere in progetti rivolti al benessere e alla tutela degli animali e alla sensibilizzazione del pubblico sul tema della salvaguardia ambientale.

Dolphin Discovery, azienda leader al mondo nel settore dei parchi tematici con mammiferi marini, è il gruppo gestisce 27 parchi tematici nel mondo in 9 Paesi diversi attraverso il coordinamento della struttura globale che ha il suo quartier generale in Messico e che annovera più di venti anni di esperienza grazie ad uno staff internazionale di alto spessore tecnico d’avanguardia.

Post popolari in questo blog

Il 17 Marzo riapre Italia in Miniatura con un imponente operazione di restyling

Warner Bros. Studio Tour - The Making of Harry Potter: i consigli e il racconto di Francesca

Una sorpresa per i lettori di Blodiario 2.0