Piccoli esploratori del grande Canyon




D’estate, la Val D’Ega si trasforma in una grande avventura dedicata ai piccoli esploratori dei segreti della natura custoditi nel Parco geologico Rio delle Foglie (Bletterbach), il canyon più grande dell’Alto Adige, con otto chilometri di rocce scavate sino a 400 metri di profondità da 250 milioni di anni sino ad oggi. Orme di sauri, fossili, resti di pasti animali: dalla pancia dei monti sono uscite storie da ascoltare, e persino sedimenti marini che raccontano la vita dei mari tropicali. Qui, sulle Dolomiti, in 271 ettari di Parco da proteggere in cui la cima del Corno Bianco sembra fare da silenziosa guardia.
Ai baby Indiana Jones che vogliono saperne di più sulle Dolomiti e che non si accontentano delle immagini stampate sulle cartoline e sui libri, Bletterbach for Kids propone un percorso alla scoperta della natura e delle rocce, ascoltando fiabe emozionanti e lasciandosi trasportare dalla fantasia e dalle montagne ma anche da un mondo di lavori manuali con sassi, acqua e terra, in una ricerca dei segreti nascosti tra gli strati geologici del Rio Bletterbach ad Aldino e i suoi reperti fossili di piante, conchiglie e animali.
Ogni mercoledì, dal 5 luglio al 30 agosto 2017, dalle 10.00 alle 13.30, i bambini tra i 6 e i 12 anni saranno protagonisti di fiabe e leggende, giochi nella natura, storie di pietra acqua e terra con le guide Geoparc, escursioni con il cacciatore e passeggiate con il sovrintendente forestale.

Per Informazioni:
Val D’Ega Turismo
Tel. 0471 619500
Sito web: www.valdega.com

I Post Più Letti

Calendario delle chiusure delle piscine degli hotel Disney a Disneyland Paris

L'8 e il 9 dicembre tutti al Bioparco di Roma!

ACQUARIO DI CATTOLICA: PRESEPI SOMMERSI, INCONTRI STRAORDINARI E BOTTEGA DEL NATALE

OLTREMARE: A RICCIONE LA LAGUNA DI BABBO NATALE SI “ACCENDE” DI MAGIA

La nevicata virtuale e la montagna russa di Babbo Natale accendono la stagione invernale di Cinecittà World

Artisti brillanti e seduzione culinaria al dinner show di Europa-Park

ANZIO, DELFINO SPIAGGIATO: ZOOMARINE LANCIA L’ALLARME “IN ITALIA SERVONO STRUTTURE DEDICATE”